About

×

Error message

Notice: Undefined offset: 1 in _resp_img_replace() (line 376 of /var/aegir/platforms/drupal_7b/sites/all/modules/resp_img/resp_img.module).

Who I am

In September '74 I was born in Sicily in the province of Trapani and lived most of my childhood and adolescence far from the big cities, near the countryside and the sea, surrounded by incredibly beautiful places that over time I learn to appreciate. At 19, I go to study Communication Sciences at the University of Salerno. I spend years rich in insights, friendships, discoveries, and growth, in which I approach the languages of video art, film and music, and to some extent politics. My dissertation is: "Video art: an analysis in relation to contemporary social schizophrenias." During my studies I also have an Erasmus experience at the University of Salamanca, Spain. After finishing my studies I move to Milan and attend a Master's in Multimedia Publishing at the Politecnico. Immediately afterwards I start working as a Visual Designer and in 2005 I attend an advanced course in Documentary Production at the Scuole Civiche. In the same year I carry out my first trip to Asia, I go to Myanmar and make with a small video camera the video-diary that I call "Burmese Smiles." In 2006 I co-produce with a friend a documentary in Tanzania in a Maasai village. In 2008 I live and work as a Multimedia Graphic Designer for 7 months in Reykjavik (Iceland). I discover beautiful landscapes, amazing and unimaginable nature. In 2009 I return to Africa, participate in a cooperation project in Uganda and make another documentary in Karamoja about the spread of alcoholism within the tribe. In 2009 and 2010 I participate in another cooperation project with the United Nations: I go to Botswana to teach techniques and theories of digital video production in the Technical Institute of Gaborone and Francistown. In 2011 in Brussels I work as a Videojournalist and produce videos for the European Parliament. Since 2012 I have been living in London. I work as Multimedia designer, Videographer and Technical writer. Occasionally for a couple of years I also work as a guide at the Tate Gallery and the National History Museum. I am very interested in London's cultural life and in particular I frequent with some assiduity the small cinemas where they show rare, interesting films of independent, experimental British, European and American cinema that lead me to approach the world of analog film production. Since 2017, after a major trip to India and after a couple of workshops in film production with super 8 and 16mm and with the guidance of very valuable friendships through social media I start developing my own films in super 8, 8mm and 35mm.

Why I do what I do

I find film image production extremely challenging for a variety of reasons. Essentially I am very passionate about it because the variable of randomness is extremely high. Due to multiple factors, it is possible during shooting and during development that what you think you are actually making will materialize into something completely different, sometimes even more interesting and compelling. In the relationship with film and developing products, the physicality of the image is rediscovered, which is less evident in the digital image. Sometimes in the interaction between the film and the developer it can happen that if the developer is too strong, bubbles are created on the film. The surface of the film radically changes its appearance, turns into something else. This alchemical aspect is visible during projection. Sometimes when I use mostly natural developers such as Caffenol the film takes on a yellowish tint that varies in intensity depending on the formula that is used, the temperature of the developer and also the timing. These properties affect the final result of the image, which because of the infinitude of its components is irreproducible. Each individual frame has its own texture and personality. In the film image I also find that it is more direct representation of dreamlike images, connected to dreams and all the irrational aspects that occur in everyday life. The natural indeterminacy of the image realized by the photo-chemical process leaves multiple glimpses open and makes the viewer more involved and free in interpreting the content. On the aesthetic aspects that lead me to work with the analog image I am in the process of publishing texts in the pages of the blog and making albums with some frames to which I attach comments and thoughts.

Relevant festival participation and recent collaborations

  • 2016 - Next move (digital) wins competition at the London Documentary Network.
  • 2020 - Ustica (super 8) is semi-finalist at the Engauge Experimental Film Festival in Seattle.
  • 2021 - Rocking Afternoon (super 8) and Meditation about the meaning of the life (8mm) are presented at the8fest Small-Gauge Film Festival in Toronto.
  • 2022 - I begin collaborating with Tales, a group consisting of Fabian Neubauer - piano, wurlitzer, electronics, Duy Luong - double bass, electronics, Pablo Liebhaber - drums. For Tales I produce the 35mm image for the CD cover and the films that make up the videos used for the CD launch.

My social media presences and online portfolios

Vimeo - Instagram - Facebook - Linkedin - The Dots - Behance - Flickr - Ello

Future Perspectives

Analog image production by its compositional, creative and physical nature lends itself very much to being a shared group activity. For this reason, workshops are widespread around the world that at various levels aim both to engage beginners in the use of these technologies but also to create moments of participatory collaboration for the creation of works that are the result of interaction. In the future I plan to engage in these activities through collaborative proposals. I will provide more elucidation as soon as these projects are defined.

A message for you, visitor to this site

Finally, I would like to dedicate a thought to you, reader of this text. If you have come this far, it is because I believe you have an interest in getting to know me, and this can only be a source of joy for me. If reading and browsing through the other pages you have thoughts you would like to share I would be very pleased to know your views and for that I have created the contact page. Thanks for reading, enjoy your browsing.

Franco

 

 

Chi sono

Nel settembre del '74 nasco in Sicilia in provincia di Trapani e vivo quasi tutta l'infanzia e l'adolescenza lontano dalle grandi città, vicino la campagna e il mare, circondato da posti incredibilmente belli che col tempo imparo a apprezzare. A 19 anni vado a studiare Scienze della Comunicazione all'Università di Salerno. Trascorro anni ricchi di spunti, amicizie, scoperte, crescita, in cui mi avvicino ai linguaggi della videoarte, del cinema e della musica e in parte pure della politica. La mia tesi di laurea è: "Videoarte: un'analisi in relazione alle schizofrenie sociali contemporanee". Durante il corso di studi ho anche una esperienza Erasmus all'università di Salamanca, in Spagna. Terminati gli studi mi sposto a Milano e frequento un Master in Editoria Multimediale al Politecnico. Immediatamente dopo inizio a lavorare come Visual Designer e nel 2005 frequento un corso di perfezionamento in Produzione del Documentario alle Scuole Civiche. Nello stesso anno svolgo il primo viaggio in Asia, vado in Myanmar e realizzo con una piccola videocamera il video-diario che chiamo "Sorrisi Birmani". Nel 2006 co-produco con una amica un documentario in Tanzania in un villaggio Maasai. Nel 2008 vivo e lavoro come Grafico Multimediale per 7 mesi a Reykjavik (Islanda). Scopro paesaggi incantevoli, una natura sorprendente e inimmaginabile. Nel 2009 torno in Africa, partecipo a un progetto di cooperazione in Uganda e realizzo un altro documentario in Karamoja sulla diffusione dell'alcolismo nell'ambito della tribù. Nel 2009 e nel 2010 partecipo a un altro progetto di cooperazione con le Nazioni Unite: vado in Botswana a insegnare tecniche e teorie di produzione di video digitale negli Istituiti tecnici di Gaborone e Francistown. Nel 2011 a Bruxelles lavoro come Videojournalist e produco video per il Parlamento Europeo. Dal 2012 vivo a Londra. Lavoro come Multimedia designer, Videographer e Technical writer. Saltuariamente per un paio di anni lavoro come guida anche alla Tate Gallery e al National History Museum. Mi interesso molto alla vita culturale londinese e in particolare frequento con una certa assiduità le piccole sale cinematografiche in cui proiettano pellicole rare, interessanti di cinema indipendente, sperimentale britannico, europeo e americano che portano a avvicinarmi al mondo della produzione filmica analogica. Dal 2017, dopo un importante viaggio in India e dopo un paio di workshops in produzione filmica con super 8 e 16mm e con la guida di valorosissime amicizie attraverso i social media inizio a sviluppare i miei film in super 8, 8mm e 35mm.

Perchè faccio quello che faccio

Trovo la produzione di immagini in pellicola estremamente stimolante per svariati motivi. Essenzialmente mi appassiona molto perché la variabile della casualità è estremamente elevata. Per molteplici fattori è possibile, in fase di ripresa e in fase di sviluppo che quello che si pensa di realizzare in realtà si concretizzi in qualcosa di completamente diverso, a volte anche più interessante e convincente. Nel rapporto con la pellicola e con i prodotti per lo sviluppo si riscopre la materialità dell'immagine che nell'immagine digitale è meno evidente. A volte nell'interazione tra la pellicola e lo sviluppatore può capitare che, se lo sviluppatore è troppo forte, sulla pellicola si creano delle bolle. Cioé la superficie della pellicola cambia radicalmente aspetto, si trasforma in qualcos'altro. Questo aspetto alchemico è visibile durante la proiezione. Talvolta quando utilizzo sviluppatori per lo più naturali come il Caffenol la pellicola assume colorazione giallastra che varia di intensità in base alla formula che si usa, alla temperatura dello sviluppatore e anche ai tempi. Queste proprietà incidono sul risultato finale dell'immagine che per l'infinitezza delle componenti che la compongono è irriproducibile. Ogni singolo fotogramma ha una sua consistenza e personalità. Nell'immagine in pellicola trovo che sia anche più diretta la rappresentazione di immagini oniriche, collegate ai sogni e a tutti gli aspetti irrazionali che si presentano nella quotidianità. La naturale indeterminatezza dell'immagine realizzata dal processo foto-chimico lascia molteplici spiragli aperti e rende lo spettatore più partecipe e libero nell'interpretazione dei contenuti. Sugli aspetti estetici che mi portano a lavorare con l'immagine analogica ho in corso la pubblicazione di testi nelle pagine del blog e la realizzazione di album con alcuni fotogrammi a cui allego commenti e pensieri.

Partecipazioni a festival rilevanti e collaborazioni recenti

  • 2016 - Next move (digital) vince la competizione al London Documentary Network.
  • 2020 - Ustica (super 8) è semi finalista all' Engauge Experimental Film Festival di Seattle.
  • 2021 - Rocking Afternoon (super 8) e Meditation about the meaning of the life (8mm) sono presentati al the8fest Small-Gauge Film Festival a Toronto.
  • 2022 - Inizio a collaborare con Tales, gruppo composto da Fabian Neubauer - piano, wurlitzer, electronics, Duy Luong - double bass, electronics, Pablo Liebhaber - drums. Per i Tales producto l'immagine in 35mm per la copertina del CD e i film che compongono i video utilizzati per il lancio del CD.

Le mie presenze nei social media e portfoli online

Vimeo - Instagram - Facebook - Linkedin - The Dots - Behance - Flickr - Ello

Le prospettive future

La produzione analogica delle immagini per la sua natura compositiva, creativa e fisica si presta molto a essere un'attività condivisa in gruppo. Per questo sono molto diffusi in giro per il mondo workshop che a vari livelli mirano sia a coinvolgere principianti nell'uso di queste tecnologie ma anche a creare momenti di collaborazione partecipativa per la realizzazione di opere frutto di interazione. In futuro conto di dedicarmi a queste attività sia come partecipante sia attraverso proposte di collaborazioni. Fornirò maggiori delucidazioni non appena questi progetti saranno definiti.

Un messaggio per te, visitatore di questo sito

Per finire vorrei dedicare un pensiero a te lettrice / lettore di questo testo. Se sei arrivata/o fin qua è perché credo hai interesse a conoscermi e questo non può che essere per me un motivo di gioia. Se leggendo e sfogliando le altre pagine hai dei pensieri che vorresti condividere mi farebbe molto piacere conoscere il tuo punto di vista e per quello che ho creato la pagina dei contatti. Grazie della lettura, buona navigazione.

Franco